ESADANZA (DANZATERAPIA)

Esadanza è un acronimo che contiene le parole Essenza, Sacralità, Arte e Danza; esse indicano sia gli obiettivi di questa metodologia che gli strumenti usati.

Esadanza promuove il benessere psicofisico favorendo l’unione tra corpo, mente e spirito; aiuta a ritrovare il contatto profondo con se stessi, a sciogliere le tensioni muscolari e nervose liberando le emozioni, ad affrancarsi dai blocchi psicologici guarendo le ferite interiori e aumentando l’autostima.

Tutto questo porta ad ampliare la percezione e ad affinare l’intuito, stimolando la consapevolezza e la scoperta del nostro compito evolutivo.

Attraverso la danzaterapia, intesa come libera espressione corporea, i linguaggi artistici, che ci aiutano ad ampliare le nostre possibilità espressive, i mudra (gesti archetipici eseguiti con le mani) e la meditazione, potremmo entrare in contatto con la nostra essenza originaria.

Quest’ultima rappresenta la parte di noi più chiara e splendente, fonte inesauribile di bellezza gioia e vitalità, per dare una direzione alla nostra vita in accordo con la nostra anima.

 

Maria Grazia Guglielmucci è psicologa e counselor, opera in ambito clinico, è inoltre formatrice e docente nell’area della psicologia del lavoro. Abilitata a condurre gruppi di danzaterapia metodo Trasmuda®, ha elaborato Esadanza.

Lascia un Commento

Sede

Associazione Culturale
IDEA SALUTE
Centro Ricerche Terapie Naturali
via Bertoli 12 Brescia
Tel. 0302302840
Per informazioni dirette contattaci
dal lunedì al venerdì
dalle 9,30 alle 13 e
dalle 15 alle 18,30

C.F. 98058440177

Riservato ai soci

Aforismi

  • Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore e cerca di amare le domande, che sono simili a stanze chiuse a chiave e a libri scritti in una lingua straniera. Non cercare ora le risposte possono esserti date perché non saresti capace di convivere con esse. E il punto é vivere ogni cosa. Vivere le domande ora. Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga, di vivere fino al lontano giorno in cui avrai la risposta. Sii paziente, Rainer Maria Rilke
Privacy Policy Cookie Policy

Iscriviti alla Newsletter