VEGETOTERAPIA

Il vegetoterapeuta esercita la terapia psico-corporea inventata e sperimentata da Wilhelm Reich e dai suoi allievi. Si chiama “vegeto” per il fatto che agisce sul sistema neurovegetativoOLYMPUS DIGITAL CAMERA riequilibrandolo nel disfunzionamento. Ciò avviene attraverso il superamento dei “blocchi” o traumi psicocorporei recenti o antichi che Reich chiama corazze e che incidono fortemente nel funzionamento fisiologico, a volte sfociando in vere e proprie malattie di ordine sia psichico che somatico.

La vegetoterapia (terapia psicocorporea) si svolge tramite gli acting, che sono degli esercizi in cui il dinamismo interno di corpo e psiche vine riattivato dallo stimolo di fasce connettivali e zone neuronali solitamente sopite o ferme, dove ristagnano eccessi di energia bloccata o dove essa deficita poiché repressa e convogliata altrove.

Durante la terapia, dopo ciascun acting si verbalizza e si esprimono le proprie emozioni e sensazioni corporee, la finalità è quella di riconoscere e abbattere corazze e tabù, che non consentono di fare esprimere al meglio le proprie potenzialità originarie, molte volte sconosciute a noi stessi, e che nella maggior parte dei casi ci porta a scelte disfunzionali e malessere di vita.

Alla fine della terapia si può ritrovare sé stessi  nel proprio nucleo vitale, è un invito alla vita e al piacere di vivere.

 

Cinzia Calanni, diploma di laurea in Tecnico dell’Educazine e Riabilitazione Psichiatrica e Psicosociale, Operatore Orgonomico

 

 

Lascia un Commento

Sede

Associazione Culturale
IDEA SALUTE
Centro Ricerche Terapie Naturali
via Bertoli 12 Brescia
Tel. 0302302840
Per informazioni dirette contattaci
dal lunedì al venerdì
dalle 9,30 alle 13 e
dalle 15 alle 18,30

C.F. 98058440177

Riservato ai soci

Aforismi

  • Così è, prezioso silenzio per la melanconia, nel pomeriggio lacustre, quando per l’ora la luce dolcemente scema e ciò che fu dorato d’impalpabile velo si riveste d’azzurro, ed una brezza rinata fresca accarezza l’olivo. Così è, prezioso sommesso ritmo di sciabordio d’onda sulle attese della solitaria riva, ove cielo e terra fondono per la sera veniente. Così è, prima che l’azzurro velo stinga le cose imprigioni il cuore accenda le luci del rifugio e ridica lo stupore d’essere. prof. Ernesto Bonera - Monte Isola 1990
Privacy Policy Cookie Policy

Iscriviti alla Newsletter